Donna, La ricerca del femminile

Da sempre l’uomo ha cercato attraverso l’arte di raccontare la struggente bellezza del corpo femminile. Una ricerca dove la femminilità vince e prevale sui simboli della nostra umanità.

La donna è stata da sempre oggetto e soggetto per le raffigurazioni nell’arte, ricoprendo diversi ruoli con diversi significati simbolici.
Il modo di rappresentarlo è cambiato non solo per via dell’avanzamento delle tecniche artistiche, del cambiamento del gusto estetico e del variare delle correnti filosofiche, ma anche per il modo di concepire il ruolo della donna nella società.

L’universo della donna è quello degli affetti e dei misteri. 
La storia dell’arte ci consegna una molteplicità di figura femminile, che viene vista come madre, modello di bellezza, ma anche come femmes fatales, incantatrice o essere angelico, come veicolo di emozioni, eternamente protagoniste ed antagoniste della grande arte.

Il progetto vuole raccontare la donna attraverso la fotografia, per scoprirne il lato più intimo e vero, prendendo spunto e ispirazione da pittura e scultura. Raccontare attraverso semplici scatti quello che la donna sarà in grado di trasmettere ed emozionare.

Passano i secoli. Variano le ideologie, le forme di governo, i riferimenti culturali, le strategie di comunicazione. Si evolve il concetto di donna e il ruolo che le è proprio nella vita, nel mondo e nella Storia.

L’interesse per le immagini di nudi mutano solo le proporzioni e le pose dei corpi, i tratti del viso, la rotondità o la spigolosità delle forme.

Da sempre i corpi femminili non sono solo carne e sangue, ma strumento privilegiato per veicolare precisi messaggi, ammirati per le fattezze ma anche  “territorio” in cui uomini hanno combattuto guerre e stipulato paci.

Cerco donne in grado di seguirmi in questo progetto,  ancora una volta, lungo i desideri e la voglia di raccontarsi senza veli.
Cerco donne che abbiano capito o vogliano vedere la propria femminilità sotto un’altro occhio, senza la paura di essere ciò che siamo nel nostro intimo più profondo.

PER TE CHE VORRESTI PROVARE…..L’idea è di scegliere uno dei dipinti che ho messo di seguito (se quello che ti immagini non è in elenco possiamo fare quello), e costruire un progetto che racconti attraverso le fotografie realizzate, la storia che ha portato a quel dipinto. La foto finale del progetto sarà una rivisitazione moderna e interpretata del dipinto scelto

Da adolescente le mie tette erano la parte del mio corpo che odiavo di più. Ricordo che piansi per anni. Detestavo le foto dove ero in topless. Avrei fatto qualsiasi cosa pur di non dovermi mostrare così. Ora considero il nudo come uno strumento che conferisce potere.
(Kate Moss)